Programmi laurea magistrale

 

IN/0132 - VALUTAZIONI D'IMPATTO E RECUPERO AMBIENTALE

Anno Accademico ​2014/2015

Docente
GIORGIO ​MASSACCI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento




Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[70/86] ​ ​INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO [86/00 - Ord. 2012] ​ ​PERCORSO COMUNE660
Obiettivi

In riferimento ai risultati di apprendimento previsti per l’accreditamento EUR-ACE dei corsi di studio in Ingegneria, il corso di Valutazioni d’Impatto e Recupero Ambientale prevede quanto segue.
 Area Conoscenza e comprensione
Lo sviluppo della consapevolezza critica delle ripercussioni dei progetti, delle opere e dei processi ingegneristici su ambiente e sostenibilità costituisce il fondamento stesso del corso di Valutazioni d’Impatto e Recupero Ambientale.
 Area Analisi ingegneristica
Le valutazioni d’impatto ambientale tipicamente sviluppano la capacità di identificare, formulare e risolvere problemi non completamente familiari, non completamente definiti e che presentano informazioni contrastanti.
Le esercitazioni progettuali dedicate alla messa in sicurezza di siti contaminati e a interventi di recupero ambientale sviluppano la capacità di identificare, formulare e risolvere problemi in aree nuove ed emergenti e la capacità di applicare metodi innovativi nella soluzione dei problemi.
Lo studente viene esercitato a identificare e applicare il modello interpretativo appropriato e a individuare da un lato le grandezze note o da acquisire con indagini e misure, dall’altro le grandezze da calcolare o stimare.
 Area Progettazione ingegneristica
In riferimento a valutazioni d’impatto ambientale, a progetti di interventi di messa in sicurezza di siti contaminati e a interventi di recupero ambientale (temi affrontati sia nelle lezioni sia nelle esercitazioni progettuali) vengono sviluppati:
 la capacità di progettare soluzioni a problemi poco familiari, che possono coinvolgere altre discipline, e di operare in presenza di situazioni complesse, incertezze tecniche e informazioni incomplete;
 la capacità di usare la propria creatività per sviluppare idee e metodi nuovi e originali.
 Area Capacità d’indagine
Le esercitazioni sono impostate sottolineando la necessità di individuare da un lato le grandezze note o da acquisire con indagini e misure, anche attraverso la modellazione o sperimentalmente, dall’altro le grandezze da calcolare o stimare.
 Area Pratica ingegneristica
Il corso di Valutazioni d’Impatto e Recupero Ambientale svolge un ruolo fondamentale nella formazione del laureato magistrale ai fini dell’acquisizione della consapevolezza degli aspetti e delle responsabilità sociali e legali della pratica ingegneristica, relativi all’ambiente, alla sostenibilità, alla salute delle popolazioni, e dell’impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e ambientale, in quanto è specificamente finalizzato a tali temi. È tipico delle problematiche affrontate nel corso, in considerazione del loro carattere multi- e interdisciplinare, lo sviluppo della capacità di integrare le conoscenze provenienti da ambiti diversi e di gestire la complessità.
 Area Capacità trasversali
La necessità di apprendimento autonomo durante tutto l’arco della vita e la capacità di perseguirlo sono stimolate evidenziando la continua evoluzione delle norme di legge e tecniche, di cui si sottolinea la relazione con l’evoluzione delle conoscenze scientifico-tecniche. Il materiale didattico è aggiornato ogni anno rispetto all’evoluzione legislativa e normativa. Le esercitazioni progettuali sono svolte in gruppo.

Prerequisiti

Il corso di Valutazioni d’Impatto e Recupero Ambientale è compreso nel Manifesto degli Studi della laurea magistrale in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio ma può essere frequentato più in generale dagli allievi di un corso di laurea magistrale in Ingegneria. Oltre ai risultati di apprendimento conseguiti attraverso una laurea in Ingegneria non sono necessari prerequisiti specifici.

Contenuti

Valutazione d’impatto ambientale [6 = 5 + 1]
Legislazione italiana in materia ambientale. VAS, VIA, AIA, valutazione d’incidenza. Studio d’impatto ambientale (SIA): norme tecniche per la redazione , norme UNI di riferimento, contenuti. Quadri di riferimento. Componenti e fattori ambientali. Alternative. Opzione zero. Impatti diretti e indiretti, negativi e positivi, reversibili e irreversibili, a breve e a lungo termine. Indicatori ambientali, descrittori, parametri, valori di riferimento ambientali. Linee guida UNI per SIA di particolari categorie di opere. Liste di controllo. Matrici di valutazione.
Inquinamento da rumore e impatto acustico [14 = 8 + 6]
Richiami delle nozioni fondamentali di acustica. Variabilità del rumore nel tempo. Descrittori. LeqT, LAeqT, SEL, LAE e loro significato. Normative nazionali e regionali. Zonizzazione acustica. Valori limite di emissione e di immissione. Valori di qualità. Rumore ambientale, residuo e differenziale. Limite differenziale. correzioni per specifiche categorie di sorgenti, per il periodo del giorno e il carattere del suono. Componenti impulsive, tonali e in bassa frequenza: misura e riconoscimento. Rumore a tempo parziale. Livelli corretti composti. Rumore delle infrastrutture di trasporto. Disturbo da rumore alle collettività. Interventi di riduzione. Problemi specifici di impatto acustico degli aerogeneratori. Casi di studio.
Qualità dell’aria ambiente [12 = 8 + 4]
Qualità dell’aria ambiente: riferimenti normativi. Fondo naturale, regionale, urbano. Particolato aerodisperso. Distribuzione delle particelle in numero, superficie, volume e massa. PM10 e PM2,5: campionamento; valori limite e soglie di valutazione. Indicatore di esposizione media IEM. Dati italiani ed europei. Emissioni in atmosfera: riferimenti normativi. Emissioni convogliate, tecnicamente convogliabili, diffuse. Fattori di emissione da sorgenti diffuse. Misure di controllo ed efficienza di riduzione. Fattori di emissione per sorgenti diffuse di particolato. Determinazioni sul campo. Casi di studio.
Impatto paesaggistico-visivo [8 = 7 + 1]
Definizioni e terminologia. Approccio concettuale e redazione di uno studio di impatto visivo. Esempi per particolari tipologie di progetti. Criteri di contenimento. Impatto visivo generato da scavi superficiali. Intervisibilità. Contrasto cromatico. Esame di casi di studio.
Recupero ambientale [8 = 8 + 0]
Recupero ambientale di un sito contaminato: norme di riferimento; definizioni; procedura di caratterizzazione, bonifica o messa in sicurezza, recupero ambientale del sito; messa in sicurezza di emergenza, operativa e permanente; aspetti economici; scelta degli interventi di messa in sicurezza permanente o di bonifica. Recupero ambientale di una discarica: norme di riferimento; piani di gestione, di gestione post operativa e di monitoraggio e controllo.
Scelta e dimensionamento preliminare di un intervento di messa in sicurezza permanente [12 = 0 + 12]
Caratterizzazione del sito: modello concettuale preliminare, piano di investigazione, modello concettuale definitivo. Scelta delle indagini e specifiche tecniche, piano di investigazione, modello concettuale definitivo. Scelta del tipo di intervento: bonifica o messa in sicurezza permanente: valutazioni economiche, valutazione dei tempi di realizzazione e dell’efficacia dell’opera. Tipologie di opere di messa in sicurezza permanente. Confronto tecnico-economico fra confinamenti idraulici e fisici. Condizione di applicabilità. Scelta della tipologia costruttiva più adatta alla condizione del sito. Indagini finalizzate alla verifica e alla fattibilità dell’intervento. Scelta di tecnologia di scavo, profondità e tracciato planimetrico, materiali. Dimensionamento dell’immorsamento. Sistema di depressione della falda e suo dimensionamento. Progettazione dell’impermeabilizzazione della superficie interna. Collaudo.

Metodi Didattici

Il corso di Valutazioni d’Impatto e Recupero Ambientale corrisponde a 6 crediti formativi universitari e prevede un’attività didattica complessiva di 60 ore ripartite tra lezioni (36 ore) ed esercitazioni (24 ore). Il carico orario è indicato nel programma in corrispondenza delle singole sezioni, entro parentesi quadre [carico orario complessivo = ore di lezione + ore di esercitazione]. Sono previste in calendario 5 ore alla settimana di lezioni ed esercitazioni.

Verifica dell'apprendimento

La verifica della preparazione è basata su una prova d’esame orale. Agli allievi in corso è consentito sostenere l’esame nelle sole sessioni ordinarie d’esame (gennaio-febbraio, giugno luglio e settembre). Gli altri appelli (previsti in tutti gli altri mesi, escluso agosto) sono riservati agli allievi che non debbano più frequentare lezioni (allievi fuori corso o allievi del 3° anno della laurea triennale o del 2° della laurea magistrale, dopo la conclusione del 2° semestre).

Testi

  Dispense redatte dal docente e integrate dalle copie del materiale usato a lezione, fotocopie di articoli scientifici e di materiale vario a carattere informativo, tecnico e normativo.
 APAT (Agenzia per la protezione dell’ambiente e per i servizi tecnici): Manuale per le indagini ambientali nei siti contaminati.
 R. Lazzarin, M. Strada Elementi di acustica tecnica III edizione, CLEUP, Padova, 2001 (Disponibile presso la Biblioteca della Facoltà d’Ingegneria).
 R. Spagnolo (a cura di) Manuale di acustica applicata, CittàStudi, 2008 (Disponibile presso la Biblioteca della Facoltà d’Ingegneria)

Altre Informazioni

Informazioni disponibili on line
Nella piattaforma didattica MOODLE dell’Università di Cagliari (all’indirizzo http://moodle.unica.it), registrandosi al corso di Valutazioni d’Impatto e Recupero Ambientale con il codice assegnato allo studente all’atto dell’immatricolazione), sono reperibili le informazioni seguenti:
 Orario e programma.
 Dispense e altro materiale didattico.
 Elenco del materiale didattico, con indicazione dell’ultimo aggiornamento disponibile.
 Modalità d’esame e di valutazione.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar