Programmi dei corsi

 

60/57/4 - CITOLOGIA E ISTOLOGIA ANIMALE

Anno Accademico ​2016/2017

Docente
SATURNINO ​SPIGA (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento




Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[60/57] ​ ​BIOLOGIA [57/00 - Ord. 2012] ​ ​PERCORSO COMUNE652
Obiettivi

Il corso si propone di fornire agli studenti conoscenze di base sulle caratteristiche generali della cellula procariotica ed eucariotica e sui tessuti animali. Gli obiettivi descritti verranno perseguiti attraverso lo svolgimento di lezioni frontali ed attività di laboratorio.
CONOSCENZA E CAPACITA’ DI COMPRENSIONE. lo studente dovrà acquisire conoscenze di base sulle caratteristiche generali della cellula procariotica ed eucariotica e sui tessuti animali. Lo studente dovrà inoltre conoscere le caratteristiche del microscopio ottico e le principali tecniche istologiche ed essere in grado, utilizzando le conoscenze acquisite, di riconoscere e descrivere i principali tessuti animali.
CAPACITA’ APPLICATIVE. Durante le attività in laboratorio (con frequenza obbligatoria) gli studenti svilupperanno competenze sull’utilizzo del microscopio ottico e degli atlanti istologici al fine di identificare e classificare i tessuti animali. Attraverso le esercitazioni pratiche gli studenti applicheranno le conoscenze teoriche acquisite durante il corso ed in particolare vedranno i passaggi per l’allestimento di un vetrino per la microscopia ottica e effettueranno uno striscio di sangue di pesce.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO. Durante il corso, il docente somministrerà agli studenti questionari di valutazione del livello di apprendimento. Attraverso tale strumento, gli studenti avranno modo di verificare le conoscenze acquisite sulle tematiche oggetto di studio, al fine di colmare tempestivamente eventuali lacune. Inoltre gli studenti, attraverso le schede di valutazione della didattica, saranno in grado di dare giudizi sui contenuti e le modalità di insegnamento.
ABILITÀ NELLA COMUNICAZIONE. Lo studente dovrà acquisire capacità di comunicazione scritta e orale attraverso l’utilizzo di una corretta terminologia scientifica anche in lingua inglese.
CAPACITÀ DI APPRENDERE. Le lezioni frontali, l’aiuto del docente e del tutor della materia , l’utilizzo di testi universitari, atlanti e lo studio al microscopio permetteranno l’acquisizione delle competenze di base sulla cellula e sui tessuti animali

Prerequisiti

Chimica di base

Contenuti

5+1 CFU; 40 ore di lezione frontale + 12 ore di laboratorio
programma delle lezioni frontali:
Citologia – Chimica della materia vivente: glucidi, lipidi, proteine e acidi nucleici. La cellula come unità fondamentale degli organismi viventi: forma, dimensioni, organizzazione; procarioti ed eucarioti. Metodologie di studio: microscopia ottica: allestimento dei campioni (fissazione, inclusione e sezionamento, colorazione); microscopio a contrasto di fase, a fluorescenza, confocale. Microscopio elettronico a trasmissione e a scansione. Immunoistochimica e autoradiografia. Le colture cellulari. Struttura e organizzazione della membrana plasmatica e trasporto attraverso la membrana. Citoplasma: compartimentazione, struttura e funzione degli organuli citoplasmatici (ribosomi, reticolo endoplasmatico liscio e rugoso, apparato di Golgi, lisosomi, perossisomi, mitocondri). Traffico vescicolare e meccanismi di endocitosi ed esocitosi. Citoscheletro (microfilamenti, filamenti intermedi e microtubuli), motilità cellulare. Adesione e comunicazione cellulare. Il nucleo: involucro nucleare, nucleoplasma e nucleoscheletro. Il genoma dei procarioti e degli eucarioti. Cromatina e cromosomi. Ciclo cellulare: Fase G1, fase S, Fase G2, Fase M: la mitosi. Controllo del ciclo cellulare, morte cellulare (necrosi e apoptosi). Meiosi e riproduzione sessuale
Istologia -Il tessuto epiteliale: epiteli di rivestimento: pavimentosi, cubici e cilindrici, monostratificati, pseudostratificati, pluristratificati e di transizione; epiteli ghiandolari: ghiandole esocrine (struttura e modalità di secrezione) ed endocrine (diversi tipi strutturali).
Cellule e matrice dei tessuti di origine mesenchimale. Il tessuto connettivo propriamente detto, il tessuto cartilagineo e il tessuto osseo, il sangue.
Tessuto muscolare: striato scheletrico, striato cardiaco, liscio.
Tessuto nervoso: il neurone, la neuroglia. La fibra nervosa.
esercitazioni di laboratorio: Modulo di 1 CFU, 12 ore)
Studio al microscopio ottico di vetrini di tessuti animali con l'ausilio di schede esplicative e atlanti, con lo scopo di imparare a identificarne le caratteristiche strutturali peculiari. Verranno inoltre descritte e mostrate le fasi di allestimento di un vetrino per la microscopia ottica (fissazione, inclusione in paraffina o resina, sezionamento e colorazione. Ogni studente allestirà e colererà uno striscio di sangue. La frequenza in laboratorio è richiesta per poter sostenere l'esame.

Metodi Didattici

Lezioni frontali con il supporto di presentazioni in power point, filmati e animazioni. Esercitazioni in laboratorio con il supporto di monitor collegato al microscopio del docente che permette la descrizione del tessuto in esame.

Verifica dell'apprendimento


-Prova di verifica intermedia
-Prova di verifica finale
-Esame orale
-Prova di laboratorio (riconoscimento di un tessuto animale)
CRITERI DI VALUTAZIONE
Giudizio finale
Il voto finale tiene conto di vari fattori:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e/o manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
d) Capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
e) Capacità di sintesi anche mediante l’uso del simbolismo proprio della materia e l’espressione grafica di nozioni e concetti, sotto forma per esempio di formule, schemi, equazioni.
Qualità relazionali:
Disponibilità allo scambio e all’interazione con il docente durante il colloquio.
Qualità personali:
a) spirito critico;
b) capacità di autovalutazione.

Di conseguenza, il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune. capacità espressive modeste, ma comunque sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piuttosto stentata; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23/30)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e capacità di espressione grafica accettabile.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

Testo consigliato: COLOMBO R., OLMO E., Biologia. Cellula e tessuti. Edi-ermes 2014.
Testi di consultazione: ROSATI P. e C. COLOMBO, 1999 “La cellula”, “I tessuti”, edi-ermes; Bonfanti et al., “citologia & istologia”, II ed., IDELSON GNOCCHI, 2010; ALBERTS et al., 2009 "Biologia molecolare della cellula", Zanichelli.

Altre Informazioni

I libri di testo e quelli di consultazione sono presenti nelle Biblioteche scientifiche. Atlanti e schede istologiche sono a disposizione degli studenti durante le esercitazioni.