Programmi

 
Seleziona l'Anno Accademico:    2012/20132013/20142014/20152015/20162016/20172017/2018

LF/0048 - NARRATOLOGIA E DIGITAL STORYTELLING

Anno Accademico 2017/2018

Docente
EMILIANO ILARDI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/46]  FILOSOFIA E TEORIE DELLA COMUNICAZIONE [46/20 - Ord. 2016]  TEORIE DELLA COMUNICAZIONE630
Obiettivi

CONOSCENZA E CAPACITA’ DI COMPRENSIONE: L’obiettivo generale del corso è quello di predisporre gli strumenti (teorici e metodologici) fondamentali che permettano allo studente di comprendere le trasformazioni delle tradizionali forme del racconto nell’odierno ambiente digitale e multimediale.
CAPACITA’ APPLICATIVE: Lo studente dovrà essere in grado di applicare i nuovi format narrativi ai più diversi ambiti lavorativi legati alla comunicazione: dal giornalismo alla pubblicità, dalla divulgazione scientifica alla formazione, dalla comunicazione politica alla promozione del territorio e dei beni culturali.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO: Alla fine del corso lo studente dovrà essere capace di mettere a punto progetti di storytelling in base agli obiettivi di comunicazione che si è autonomamente prefissato e in base ai media che intende utilizzare
ABILITÀ NELLA COMUNICAZIONE: Lo studente dovrà essere in grado di tradurre in format narrativi qualsiasi altro tipo di testo e adattarlo a tutti i media.
CAPACITÀ DI APPRENDERE: lo studente svilupperà una metodologia di studio e analisi che gli permetta di interpretare e approfondire le problematiche legate alle modalità di evoluzione e trasformazione delle tecniche di storytelling che gli si presenteranno nel proseguo dello studio e della carriera universitaria/lavorativa nel campo della comunicazione e dei media
COMPETENZE ATTESE: sviluppo della capacità di stesura di strategie comunicative e promozionali basate sul digital storytelling.

Prerequisiti

Conoscenza delle nozioni base della narratologia in ambito letterario e cinematografico.
Per coloro che non abbiano una preparazione specifica in questi campi si consiglia la lettura propedeutica dei seguenti testi:
1) Marchese A., L’officina del racconto. Semiotica della narratività, Milano, Mondadori, 1990.
2) Chatman S., Storia e discorso. La struttura narrativa nel romanzo e nel film, Milano, il Saggiatore, 2010

Contenuti

In una prima fase si mostreranno le motivazioni per cui le pratiche di storytelling, a partire dagli anni Novanta del XX sec., si sono diffuse in maniera esplosiva in tutti gli ambiti delle società consumistiche e tecnologicamente avanzate: politica, giornalismo, comunicazione pubblicitaria, management del personale, didattica, etc. Nella seconda fase ci si concentrerà su due di questi ambiti mostrando approfonditamente come le forme del racconto declinate nei vari media siano oggi formidabili strumenti di persuasione e promozione.

Metodi Didattici

Metodi didattici: L’insegnamento viene erogato in modalità tradizionale con l’uso di slide della connessione a internet. Gli studenti potranno scegliere se frequentare il corso in modalità “attiva” (partecipando attivamente a lezioni e laboratori, interagendo costantemente con il docente, impegnandosi in lavori di gruppo) o in modalità “classica” studiando individualmente i testi in programma.
Ore d’aula: per sviluppare il programma l’erogazione dell’insegnamento si articola in 15 incontri di 2 ore ciascuno (di lezioni frontali e di discussione, simulazioni delle prove ed esercitazioni) e una serie di laboratori dedicati agli studenti che frequentano in modalità “attiva”.
Lavori di gruppo: gli studenti che desiderano frequentare il corso in modalità “attiva” saranno coinvolti in lavori di gruppo finalizzati alla realizzazione di progetti di storytelling.

Verifica dell'apprendimento

Modalità di verifica:Le modalità di esame differiscono a seconda se lo studente frequenta in modalità “attiva” o in modalità “classica”.
Modalità “attiva”: due prove in itinere; consegna di un lavoro di gruppo, essenzialmente la progettazione di una campagna di comunicazione basata sul digital storytelling, sotto forma di relazione finale, script, sceneggiatura, audiovideo e sito internet.
Criteri di attribuzione del voto finale (espresso in trentesimi): verrà valutato il livello di information literacy (capacità di identificare, individuare, valutare, organizzare, utilizzare e comunicare le informazioni) raggiunto dal gruppo alla fine del corso; la capacità di lavorare in gruppo e di rispettare i compiti (prove in itinere) assegnati dal docente durante il corso; il livello di corrispondenza tra il lavoro finale di gruppo e gli obiettivi formativi.
Modalità “classica” (voto finale espresso in trentesimi): una prova orale sui testi in programma. Durante la prova lo studente dovrà dimostrare di saper applicare lo strumento dello storytelling ai vari contesti d’uso e ambienti mediali.

Testi

Testi di riferimento:
1) Rose F., Immersi nelle storie. Il mestiere di raccontare nell'era di internet, Torino, Codice Edizioni, 2013
2) Giovagnoli M., Transmedia. Storytelling e narrazione, Milano, Apogeo, 2013
3) Salmon C., Storytelling. La fabbrica delle storie, Roma, Fazi, 2008
Chi frequenta in modalità “attiva” è esonerato dallo studio di uno di questi testi a sua scelta.

Altre Informazioni

Sul sito personale del docente saranno disponibili tutti i materiali utilizzati durante le lezioni oltre a numerosi link che rimandano a campagne di stoytelling degli ultimi 10 anni.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar