Informazioni generali

 

[60/67] ​ ​SCIENZE E TECNOLOGIE GEOLOGICHE

Facoltà di ​SCIENZE

Ordinamento
SCIENZE E TECNOLOGIE GEOLOGICHE
Durata
2 ​Anni
Crediti
120
Tipo di Corso
Corso di Laurea Magistrale
Normativa
D.M. 270/2004
Classe di Laurea
LM-74 - Classe delle lauree magistrali in Scienze e tecnologie geologiche
Sedi Didattiche
Cagliari - Università degli Studi​
Sito del Corso
Accedi alla pagina web del Corso ​
Elenco Insegnamenti per Percorso/Curriculum
PERCORSO COMUNE - Ordinamento 2012


Requisiti di accesso


Titoli
 ​
Un'opzione a scelta tra le seguenti
1. - ​Laurea di Primo Livello (triennale) - in ipotesi
2. - ​Laurea ante riforma (vecchio ordinamento)
3. - ​Laurea Specialistica
4. - ​Laurea Magistrale
5. - ​Titolo straniero


Coordinatore
ANTONIO LUCA ​FUNEDDA
afunedda@unica.it


Date e Scadenze


Leggi il Manifesto generale degli studi

Contribuzione studentesca


Leggi il Regolamento contribuzione studentesca

Tassa per la partecipazione ai test di ammissione ai Corsi di studio Euro 22,78
Studenti in corso - Contributo onnicomprensivo annuale da Euro 315,52 a Euro 2.943,18 in funzione dell'ISEE e dei CFU acquisiti
Studenti fuori corso - Contributo onnicomprensivo annuale da Euro 315,52 a Euro 4.416,21 in funzione dell'ISEE, dell'anno di fuori corso e dei CFU acquisiti
Imposta di bollo Euro 16
Tassa regionale ERSU per reddito complessivo familiare superiore a Euro 25.000 Euro 140
Sono previsti esoneri totali dal pagamento delle tasse o parziali (contributo calmierato e riduzioni), indicati nel Regolamento contribuzione studentesca che è opportuno consultare.

Informazioni generali


Accesso ad ulteriori studi

Corsi del Terzo Ciclo

Status professionale conferito dal titolo

Le competenze acquisite permettono l'esercizio della professione di geologo nei diversi contesti lavorativi dove il sapere tecnico-scientifico esclusivo del geologo risulta fondamentale e si combina con quello di altre figure professionali.

Caratteristiche prova finale

La prova finale consiste nella presentazione e discussione di una tesi sperimentale, elaborata in forma originale dallo studente sotto la guida di uno o più relatori. La tesi, che si sviluppa principalmente attraverso una ricerca applicata, può essere redatta e discussa in lingua italiana o in inglese.

La commissione di laurea è composta da un minimo di sette ad un massimo di undici membri; la votazione di laurea è espressa in centodecimi, con eventuale attribuzione di lode.

Conoscenze richieste per l'accesso

In base alle norme vigenti per essere ammessi al corso di laurea magistrale occorre essere in possesso della laurea o di altro titolo riconosciuto idoneo, conseguito all'estero.
Per frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale in Scienze e tecnologie geologiche è necessario avere acquisito quanto previsto dagli obiettivi formativi qualificanti della classe L-34, ossia:
- conoscenze di base nelle discipline chimiche, fisiche, matematiche e informatiche per poter descrivere e interpretare i processi geologici esogeni e endogeni;
- conoscenze fondamentali nei diversi settori delle Scienze della Terra per la comprensione nei loro aspetti teorici, sperimentali e applicativi dei processi evolutivi del Pianeta;
- adeguata capacità di utilizzo delle specifiche metodiche disciplinari per svolgere indagini geologiche di laboratorio e di terreno;
- capacità di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, e possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione;
- capacità di lavorare con definiti gradi di autonomia, anche insieme ad altri professionisti e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro.

L' ammissione al Corso di Laurea Magistrale è subordinata a una valutazione preliminare di una Commissione che verifica il possesso delle conoscenze e competenze richieste, esplicitate nel regolamento didattico del CdS, secondo modalità definite annualmente nel Manifesto degli Studi della Facoltà.

Titolo di studio rilasciato

LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE GEOLOGICHE

Lingua/e ufficiali di insegnamento e di accertamento della preparazione

ITALIANO

Abilità comunicative

- Avere capacità di comunicare con proprietà di linguaggio tecnico, in modo chiaro e non ambiguo, a specialisti e non specialisti,le loro conclusioni su problematiche territoriali e geologico-ambientali, anche poco note e complesse;
- Operare efficacemente, anche come leader, in un gruppo composto da persone competenti in diverse discipline a differenti livelli;
- Lavorare e comunicare efficacemente in contesti nazionali e internazionali, con consapevolezza critica;
- Avere acquisito capacità di stilare relazioni tecniche.
Le abilità comunicative vengono stimolate nell'intero percorso formativo attraverso attività didattiche organizzate per gruppi di studenti, campus di lavoro sul terreno, e durante lo svolgimento del tirocinio.

Autonomia di giudizio

- Essere in grado di definire, determinare ed attuare una strategia per la soluzione di problemi di carattere geologico anche in presenza di situazioni complesse, incertezze tecniche ed informazioni incomplete;
- Avere la capacità di applicare tecnologie nuove ed emergenti nel campo delle Scienze Geologiche, integrando le conoscenze provenienti da diversi settori e gestendone la complessità;
- Avere una consapevolezza critica degli ultimi sviluppi nel settore, includendo le implicazioni sulle responsabilità sociali ed etiche derivanti dall'applicazione dei propri giudizi.
I laureati acquisiscono tali capacità durante l'intero percorso formativo e, in particolare, durante il tirocinio e la preparazione dell'elaborato finale.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione

Area Generica
- Capacità di risolvere problemi geologici complessi, in situazioni nuove o non familiari, entro contesti multidisciplinari;
- Capacità di analisi ed abilità nell'indagine per la soluzione di problemi legati all'ambiente ed al territorio, nonché di progettare e condurre indagini geologiche e geognostiche, attraverso l'uso di modelli sperimentali;
- Conoscenza, comprensione ed una approfondita capacità di applicazione dei principi, dei criteri e dei metodi di studio dei materiali terrestri ed un'elevata capacità di osservazione e di analisi sul terreno e in laboratorio;
- Capacità di utilizzare conoscenze, tecniche e strumenti avanzati in relazione alla gestione delle georisorse e allo sviluppo sostenibile del Pianeta;
- Capacità di applicare in modo efficace le conoscenze geologiche per lo studio del territorio e la realizzazione di opere e infrastrutture, che richiedono anche il ricorso ad altre discipline.

Le capacità di applicare le conoscenze vengono conseguite principalmente attraverso le attività pratiche di laboratorio e di terreno, durante l'attività di tirocinio e la preparazione della tesi.

Area Applicativa
- Capacità di risolvere i problemi geologici complessi, in situazioni nuove o non familiari, entro contesti multidisciplinari;
- Capacità di progettare e condurre indagini geologiche e geognostiche, anche attraverso l'uso di modelli sperimentali;
- Capacità di applicare in modo efficace le conoscenze geologiche per la gestione del territorio, la realizzazione di opere e infrastrutture e la protezione dei beni archeologici, che richiedono anche il ricorso ad altre discipline.


Area Geologico-Paleontologica
- Capacità di risolvere i problemi geologici, in situazioni nuove o non familiari, entro contesti multidisciplinari;
- Capacità di analisi ed abilità nell'indagine per la soluzione di problemi legati all'ambiente ed al territorio, nonché di progettare e condurre indagini geologiche, anche attraverso l'uso di modelli teorici e sperimentali;
- Capacità di applicare in modo efficace le conoscenze geologiche per la gestione del territorio.

Area Geomateriali e ambiente
- Capacità di risolvere i problemi geologici, in situazioni nuove o non familiari, entro contesti multidisciplinari;
- Capacità di utilizzare conoscenze, tecniche e strumenti avanzati in relazione alla gestione e alla salvaguardia delle georisorse (acqua, risorse minerarie e ambientali) e dei beni culturali, e allo sviluppo sostenibile del Pianeta.

Capacità di apprendimento

- Avere la capacità di continuare a studiare in modo largamente autonomo (Dottorato di ricerca, Master di secondo livello, ecc.), anche per l'aggiornamento in ambito professionale;
- Essere in grado di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro, adattandosi facilmente a nuovi scenari e a situazioni complesse.
Il corso di laurea si propone di implementare la capacità di apprendimento durante l'intero percorso di studio. Tale obiettivo viene conseguito attraverso esercitazioni pratiche in laboratorio, esercitazioni sul terreno coordinate da docenti di diverse discipline, sulla soluzione di problemi d'interesse specifico nell'ambito delle Scienze Gelogiche.

Conoscenza e comprensione

Area Generica
- Avanzate conoscenze e capacità di comprensione dei meccanismi che regolano i processi di trasformazione e l'evoluzione del Sistema Terra;
- Avanzata preparazione teorica e sperimentale nel campo della geologia stratigrafica e strutturale, geomorfologia, geologia tecnica e nelle applicazioni geochimico-mineralogico-petrografiche;
- Avere acquisito originalità nello sviluppo o nell'applicazione di idee e metodologie nell'ambito geologico.
I risultati di apprendimento attesi vengono conseguiti attraverso le attività di didattica frontale, di laboratorio e di terreno realizzate nei diversi corsi di insegnamento. La verifica dei risultati viene effettuata attraverso le prove orali e/o scritte dei singoli esami, durante le attività di terreno e di laboratorio.

Area Applicativa
- Avanzata preparazione teorica e sperimentale nei campi delle applicazioni della geomorfologia, della idrogeologia e geoarcheologia;
- Avere conoscenze adeguate a comprendere le dinamiche del dissesto idrogeologico;
- Avere conoscenze dei metodi di indagine diretti e indiretti per la definizione delle caratteristiche meccaniche delle rocce e per lo studio della instabilità dei versanti.

Area Geologico-Paleontologica
- Avanzate conoscenze e capacità di comprensione dei meccanismi che regolano i processi di trasformazione e l'evoluzione del Sistema Terra;
- Avanzata preparazione teorica e sperimentale nel campo della geologia stratigrafica e strutturale e delle applicazioni della paleontologia.
- Avere acquisito originalità nello sviluppo o nell'applicazione di idee nell'ambito geologico, spesso in un contesto di ricerca.

Area Geomateriali e ambiente
- Avanzata preparazione teorica e sperimentale nel campo mineralogico-petrografico e geochimico
- Avanzate conoscenze sulla caratterizzazione dei materiali geologici tramite analisi di laboratorio e di terreno.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati


- Esercizio della professione di geologo in modo autonomo (Iscrizione all'interno della "sezione dei geologi" dell'Albo professionale dei Geologi ai sensi del D.P.R.
328/2001).
- tecnico/ricercatore presso Società minerarie e compagnie petrolifere, Società di esplorazione del sottosuolo, Enti di ricerca, Servizi geologici nazionali e/o regionali
- tecnico/ricercatore e/o ruoli dirigenzali presso Enti Locali e Territoriali, Enti Strumentali, Servizi di Protezione Civile, Agenzie e Servizi per l'ambiente, Società private
- Aziende che producono e/o coltivano materiali naturali, Sovrintendenze ai beni archeologici e a i beni culturali
- Funzioni tecnico-dirigenziali presso enti pubblici e privati dediti alla salvaguardia e monitoraggio ambientale, Società ed aziende del settore minerario ed ambientale
- Società Minerarie, Imprese operanti nel settore dei lapidei, Società private
- musei, parchi geologici e geominerari, parchi naturali, etc


- Esercizio della professione di geologo in modo autonomo (Iscrizione all'interno della "sezione dei geologi" dell'Albo professionale dei Geologi ai sensi del D.P.R.
328/2001).
- tecnico/ricercatore presso Società minerarie e compagnie petrolifere, Società di esplorazione del sottosuolo, Enti di ricerca, Servizi geologici nazionali e/o regionali
- tecnico/ricercatore e/o ruoli dirigenzali presso Enti Locali e Territoriali, Enti Strumentali, Servizi di Protezione Civile, Agenzie e Servizi per l'ambiente, Società private
- Aziende che producono e/o coltivano materiali naturali, Sovrintendenze ai beni archeologici e a i beni culturali
- Funzioni tecnico-dirigenziali presso enti pubblici e privati dediti alla salvaguardia e monitoraggio ambientale, Società ed aziende del settore minerario ed ambientale
- Società Minerarie, Imprese operanti nel settore dei lapidei, Società private
- musei, parchi geologici e geominerari, parchi naturali, etc


- Esercizio della professione di geologo in modo autonomo (Iscrizione all'interno della "sezione dei geologi" dell'Albo professionale dei Geologi ai sensi del D.P.R.
328/2001).
- tecnico/ricercatore presso Società minerarie e compagnie petrolifere, Società di esplorazione del sottosuolo, Enti di ricerca, Servizi geologici nazionali e/o regionali
- tecnico/ricercatore e/o ruoli dirigenzali presso Enti Locali e Territoriali, Enti Strumentali, Servizi di Protezione Civile, Agenzie e Servizi per l'ambiente, Società private
- Aziende che producono e/o coltivano materiali naturali, Sovrintendenze ai beni archeologici e a i beni culturali
- Funzioni tecnico-dirigenziali presso enti pubblici e privati dediti alla salvaguardia e monitoraggio ambientale, Società ed aziende del settore minerario ed ambientale
- Società Minerarie, Imprese operanti nel settore dei lapidei, Società private
- musei, parchi geologici e geominerari, parchi naturali, etc

Competenze associate alla funzione


Il laureato magistrale oltre alle professioni indicate nell'elenco Istat può svolgere altre attività collegate alle Scienze della Terra come: mineralogista, vulcanologo,
geochimico, petrografo, geomorfologo; nonché nella ricerca e gestione delle attività estrattive, di cui alla categoria 2.2.1.2 e nel recupero e conservazione del territorio
(2.2.2.0.2).


Il laureato magistrale oltre alle professioni indicate nell'elenco Istat può svolgere altre attività collegate alle Scienze della Terra come: mineralogista, vulcanologo,
geochimico, petrografo, geomorfologo; nonché nella ricerca e gestione delle attività estrattive, di cui alla categoria 2.2.1.2 e nel recupero e conservazione del territorio
(2.2.2.0.2).


Il laureato magistrale oltre alle professioni indicate nell'elenco Istat può svolgere altre attività collegate alle Scienze della Terra come: mineralogista, vulcanologo,
geochimico, petrografo, geomorfologo; nonché nella ricerca e gestione delle attività estrattive, di cui alla categoria 2.2.1.2 e nel recupero e conservazione del territorio
(2.2.2.0.2).

Funzione in contesto di lavoro

Le competenze acquisite permettono l'esercizio della professione di geologo nei diversi contesti lavorativi dove il sapere tecnico-scientifico esclusivo del geologo risulta fondamentale e si combina con quello di altre figure professionali.

Descrizione obiettivi formativi specifici

Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche garantisce che siano conseguiti gli obiettivi formativi qualificanti previsti per la Classe LM-74. I laureati infatti devono avere acquisito:
- una solida preparazione culturale ed una qualificata preparazione scientifica ed operativa negli specifici settori delle Scienze della Terra mediante l'acquisizione di tecniche utili per la comprensione dei fenomeni che regolano i processi di trasformazione ed evoluzione del Sistema Terra;
- le conoscenze relative agli aspetti metodologico-operativi per la soluzione di problemi sia di carattere geologico-tecnico sia di carattere ambientale, in cui sia particolarmente sentita l'esigenza di sviluppo scientifico-tecnologico;
- competenze operative di terreno e di laboratorio ed un'elevata capacità di trasferire i risultati delle conoscenze finalizzati alla costruzione di modelli interpretativi;
- capacità di lavorare con definiti gradi di autonomia, anche insieme ad altri professionisti, e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro.
In particolare gli obiettivi formativi specifici previsti sono rivolti allo studio del territorio, alla tutela dell'ambiente e alle georisorse, settori che presentano valide prospettive di sviluppo scientifico ed occupazionale. Il percorso formativo prevede numerosi crediti destinati ad attività di laboratorio e di terreno.
In particolare il CdLM prevede:
• Acquisizione di tecniche avanzate di rilevamento geologico, anche con l'ausilio delle moderne tecnologie informatiche, per produrre dati cartografici tematici finalizzati alla ricostruzione tridimensionale dei corpi geologici e all'analisi ed interpretazione dei processi geologici e della loro evoluzione nel tempo.
• Acquisizione delle principali metodiche di studio e analisi delle rocce e altri materiali geologici (analisi mineralogiche, geochimiche, petrografiche, sedimentologiche, crono-biostratigrafiche, micropaleontologiche e paleoecologico-paleogeografiche) per una loro completa caratterizzazione, interpretazione.
• Rilevamento e monitoraggio dei parametri ambientali mediante studi sul terreno ed analisi di laboratorio combinate con l'utilizzo delle tecnologie di telerilevamento e dei Sistemi Informativi Territoriali. Conservazione e ripristino della qualità dell'ambiente, con particolare riferimento alle aree minerarie dismesse ed al monitoraggio di zone minerarie attive. Caratterizzazione della vulnerabilità dei siti, della pericolosità del rilascio di inquinanti nell'ambiente. Studio dei metodi per la mitigazione del rischio ambientale.
• Capacità di analisi, previsione, prevenzione e mitigazione del rischio da frana e del dissesto idrogeologico e di valutazione di pericolosità e di instabilità dei versanti.
• Caratterizzazione e valorizzazione di georisorse fondamentali quali minerali, materiali lapidei e acque. Studio dei metodi per una gestione delle georisorse compatibile con l'ambiente. Caratterizzazione archeometrica e tecnologica di manufatti archeologici. Studio delle modalità del degrado e delle metodiche di intervento conservativo sui geomateriali finalizzati alla tutela dei Beni Culturali.
• Padronanza delle tecniche e capacità operative relativamente alla localizzazione delle riserve acquifere ed alla determinazione dei parametri idrogeologici necessari per lo sfruttamento razionale delle risorse idriche sotterranee e per la valutazione della vulnerabilità intrinseca e la salvaguardia degli acquiferi.
• Acquizione di tecniche geomorfologiche e geologico-ambientali applicate alla pianificazione territoriale, alla valutazione d'impatto e all'analisi dei rischi naturali. Aquisizione di conoscenze geomorfologiche avanzate nel campo della morfotettonica, nella evoluzione dei terreni quaternari e nella interazione con l'attività antropica.
• Indagini geologico-tecniche mediante misure in situ, esplorazione geologica del sottosuolo tramite l'applicazione integrata di tecniche geofisiche e geognostiche, e sperimentazioni di laboratorio, per la caratterizzazione sia statica sia dinamica dei siti. Parametrizzazione del mezzo geologico in relazione alla progettazione degli interventi in base alle conoscenze sull'interazione struttura-substrato geologico. Studio e caratterizzazione degli ammassi rocciosi in relazione alla progettazione di grandi opere di ingegneria civile (quali strade,gallerie, dighe, ponti, viadotti e discariche) ai fini della loro ottimizzazione dal punto di vista tecnico- economico e soprattutto in vista di un corretto inserimento delle opere sul territorio in relazione al loro impatto ambientale e secondo le normative vigenti.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar