Il Corso

 

Il Corso di Laurea Magistrale in Riabilitazione dell’Università di Cagliari afferisce alla Facoltà di Medicina e Chirurgia.
L’attivazione del Corso di Laurea Magistrale in Riabilitazione risponde all’esigenza di offrire, ai laureati triennali delle Professioni Sanitarie della Prevenzione (classe L/SNT 2), una formazione culturale e professionale avanzata e in linea con gli standard europei previsti per i professionisti dell’area della riabilitazione. Inoltre, l’attivazione di tale Laurea Magistrale consente di formare professionisti in grado di ricoprire il ruolo, previsto dalla normativa vigente, di Dirigente dei Servizi delle Professioni Sanitarie nell’area delle Scienze della Riabilitazione.
Il percorso formativo risponde all’esigenza di formare competenze in chi sarà chiamato ad operare nelle Direzioni Sanitarie Ospedaliere e della Aziende Sanitarie Locali e negli altri servizi sanitari pubblici e privati nei quali sia prevista la competenza di un dirigente esperto di riabilitazione.
Il laureato in Scienze della Riabilitazione potrà inoltre trovare occupazione nell’ambito della didattica e ricerca scientifica presso le strutture universitarie.
OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI
Il laureato deve possedere una qualificata ed elevata conoscenza e competenza in ambito di ricerca, formazione e management nell’area della Riabilitazione, ha quindi competenze per intervenire nei processi assistenziali, gestionali formativi e di ricerca negli ambiti pertinenti alle diverse professioni sanitarie comprese nella Classe. Più dettagliatamente dovrà possedere competenze che gli permettano di:
1. coordinare e dirigere organizzazioni anche complesse attraverso l’impiego di abilità utili alla pianificazione, alla gestione delle risorse umane, al controllo continuo di qualità e agli aspetti contabili e amministrativi nell’economia aziendale;
2. rilevare e monitorare l’evoluzione dei bisogni riabilitativi e programmare l’intervento riabilitativo applicando strategie appropriate per favorire i processi di integrazione multi professionale ed organizzativa;
3. individuare i fattori di rischio ambientale, valutarne gli effetti sulla salute e predisporre interventi di tutela negli ambienti di lavoro;
4. gestire gruppi di lavoro con strategie di prevenzione e mediazione i conflitti e le discriminazioni, implementare piani di sviluppo professionale attraverso una prospettiva di valutazione continua
5. definire obiettivi di intervento e programmare sistemi di verifica dell’esito in una prospettiva di miglioramento continuo
6. stabilite aree critiche di miglioramento sapere definire indicatori di qualità e in questa prospettiva effettuare sapere consultare la letteratura, condurre una ricerca bibliografica sistematica, anche attraverso banche dati e i relativi aggiornamenti periodici; revisioni della letteratura, anche di tipo sistematico,
7. essere in grado di leggere criticamente un articolo scientifico anche nell’ottica di pianificare la formazione continua del personale; collaborare con progetti di ricerca quantitativa e qualitativa e verificare l’applicazione dei risultati delle attività di ricerca per il miglioramento continuo delle attività in ambito riabilitativo; sapere scrivere un report e un articolo scientifico
8. praticare nel rispetto delle principali norme legislative che regolano l’organizzazione sanitaria, nonché delle norme deontologiche e di responsabilità professionale;
9. sapere applicare tecniche adeguate alla comunicazione individuale e di gruppo e alla gestione dei rapporti interpersonali con i pazienti e i loro familiari;
10. verificare gli esiti individuali e collettivi di salute utilizzando valide e affidabili misure. Attraverso programmi di verifica che tengano conto dell’ambito in cui i pazienti stanno ricevendo gli interventi riabilitativi e il contesto dei fattori socio-culturali
11. collaborare con il team di cura per realizzare l’applicazione e lo sviluppo di protocolli e linee guida;
12. leggere, interpretare, organizzare correttamente l’informazione sanitaria dello specifico professionale dalle diverse fonti disponibili e sapere diffondere le notizie utili all’intervento riabilitativo e alla crescita del personale.
13. utilizzare le tecnologie e i supporti informatici come supporto agli interventi riabilitativi, terapeutici e preventivi e per la sorveglianza ed il monitoraggio dello stato di salute;
14. progettare e realizzare interventi formativi per l’aggiornamento e la formazione permanente afferente alle strutture sanitarie di riferimento;
15. partecipare e osservare processi di gestione, conduzione e programmazione di un corso di laurea triennale e magistrale, master di I e II livello; partecipare alla progettazione e gestione di attività didattiche nell’ambito della formazione permanente rivolte ai professionisti della riabilitazione; progettare e realizzare, in collaborazione con altri professionisti, interventi educativi e di sostegno del singolo e della comunità per l’autogestione e il controllo dei fattori di rischio e dei problemi di salute.

Le competenze verranno acquisite nel biennio sia attraverso lezioni teoriche erogate nella forma della didattica tradizionale ma anche attraverso l’impiego di moderne modalità di e-learning. Particolare importanza riveste l’attività di tirocinio professionalizzante nella quale il discente sperimenta la messa in atto di competenze proprie dei ruoli dirigenziali in un contesto che consente la rilettura critica degli interventi e l’acquisizione di una modalità di miglioramento continuo delle competenze.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar