Programmi

 

20/38/049 - GEOGRAFIA E CARTOGRAFIA IGM

Anno Accademico ​2015/2016

Docente
FABIO ​PARASCANDOLO (Tit.)
Periodo
Primo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Blend/modalità mista, Convenzionale​
Lingua Insegnamento




Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/45] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO [45/00 - Ord. 2014] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

Il corso fornirà elementi di riflessione atti a considerare il territorio come un insieme complesso, espressione delle trasformazioni che le diverse compagini sociali operano sul sistema biogeofisico terrestre, e assumerà gli ecosistemi territoriali come contesto di inserimento dei Beni culturali e ambientali. Fornirà inoltre conoscenze e mezzi per comprendere e interpretare le carte topografiche dell’IGM e per poter applicare le conoscenze e comprensioni acquisite utilizzandole come strumenti funzionali allo studio degli ambienti insediativi.

Prerequisiti

Sono richieste le basilari capacità di ragionamento geografico derivanti dai percorsi formativi pregressi; lo studente dovrà conoscere e saper utilizzare le carte geografiche.

Contenuti

PARTE I. Beni culturali e lettura del territorio. PARTE II. L’evoluzione del pensiero geografico. PARTE III. Cartografia e carte topografiche.

Metodi Didattici

Lezioni frontali

Verifica dell'apprendimento

La verifica e la valutazione dei risultati dell'apprendimento si baseranno su una prova scritta e una prova orale disgiunte. La prova scritta avrà la durata di un'ora e trenta minuti. Essa si articolerà in quattro domande inerenti argomenti trattati in ciascuna delle tre parti del corso. Ogni domanda sarà di peso equivalente ai fini della valutazione e della attribuzione del voto finale. Agli esaminandi verrà richiesta una trattazione libera (sono esclusi i test) di lunghezza sufficiente a metterne in luce le capacità di analisi e le competenze critiche e metodologiche, la padronanza espressiva, la capacità di istituire collegamenti tra le varie partizioni del programma e l'appropriatezza di impiego dello specifico linguaggio che caratterizza la disciplina geografica. Il superamento della prova scritta consentirà di accedere a una prova orale. Quest'ultima potrebbe comportare colloqui di approfondimento su argomenti eventualmente trattati in modo lacunoso sotto diversi profili nella prova precedente, e si baserà in ogni caso sulla lettura di una Carta Topografica dell'IGM corrispondente alle caratteristiche indicate nella sezione TESTI DI RIFERIMENTO

Testi

PARTE I - da M. MAUTONE (a cura di), I Beni culturali. Risorse per l'organizzazione del territorio, Bologna, 2001: M. MAUTONE, “L'approccio geografico per la valorizzazione del patrimonio culturale” (pp. 9-16); L. CASSI, “Esperienza geografica e beni culturali. Note da una ricerca in corso” (pp. 51-54”). -da S. Conti, G. Dematteis, C. Lanza, F. Nano, Geografia dell’economia mondiale, Torino, 2006: Capitolo 1 (pp.3-21). -da L. Decandia, Dell’identità. Saggio sui luoghi: per una critica della razionalità urbanistica, Soveria Mannelli-CZ, 2000: Parte seconda, Parte terza (pp. 51-137). -da S. Settis, Paesaggio costituzione cemento, Torino, 2010: Cap. 1, Cap. 2 (paragrafi 1 e 2, pp. 3-56), Cap. 6. PARTE II - da A. LOI, Sardegna. Geografia di una società, Cagliari, 2006: Cap. I, Cap. II (pp. 25-93). - Una dispensa che verrà illustrata agli studenti all’inizio del corso. PARTE III - da, A. Asole, G. Arena, Cartografia e territorio nei secoli, Roma, 1989, terza edizione (disponibili ristampe successive): Parte seconda (pp. 137-184). - da A. Magnaghi (a cura di), Rappresentare i luoghi. Metodi e tecniche, Firenze, 2001: Parte prima (contributo di C. Saragosa, pp. 55-138). - Una dispensa che verrà illustrata agli studenti all’inizio del corso. - Una Sezione IGM in scala 1:25.000.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar