Programmi

 

20/38/144 - STORIA DELL'ARTE MODERNA 1

Anno Accademico ​2015/2016

Docente
ALESSANDRA ​PASOLINI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Blend/modalità mista, Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
 ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/45] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO [45/00 - Ord. 2014] ​ ​PERCORSO COMUNE1260
Obiettivi

Il corso si propone di fornire gli strumenti storico-critici, metodologici e tecnici adeguati all’apprendimento dei metodi di lettura, dei dati iconografici, iconologici e strutturali dell’opera d’arte ai fini della ricostruzione del panorama storico-artistico in Italia ed in Sardegna dal tardogotico alla fine del Settecento, alla luce dei rapporti politici, economici e culturali, delle influenze e degli apporti esterni.

Prerequisiti

Modulo A: Come prerequisiti, lo studente dovrà conoscere il quadro culturale di riferimento e possedere le basilari nozioni storiche, filosofiche e letterarie. Si consiglia la frequenza delle lezioni non solo per acquisire una migliore conoscenza della materia ma anche per una appropriata lettura dell’opera d’arte. E’ preferibile affrontare la preparazione all’esame dopo aver sostenuto preventivamente gli esami di Storia dell’Arte Medievale e di Storia Moderna.
Modulo B: Per una migliore comprensione della materia e resa all’esame, è necessaria la conoscenza del panorama storico, politico, economico-sociale e culturale in cui si sviluppano le manifestazioni artistiche in Sardegna nel periodo in esame (XV-XVIII sec.). Si consiglia la frequenza delle lezioni dopo aver acquisito un’adeguata preparazione sulle precedenti e coeve vicende storiche e artistiche (Storia dell’arte medioevale, Storia dell’arte moderna).

Contenuti

Modulo A
-Introduzione alla disciplina: caratteri e problemi, bibliografia.
-Inquadramento storico-artistico relativo all’arte italiana nel suo sviluppo dal XV al XVIII secolo.
Tenendo in conto di volta in volta le più salienti novità emerse dagli studi e dal progredire della ricerca, verranno svolti i seguenti argomenti:
-Il ‘400: Il Gotico Internazionale in Europa ed in Italia (Gentile da Fabriano e Pisanello).
La svolta rinascimentale a Firenze. Gli sviluppi delle premesse rinascimentali.
Il Rinascimento a Urbino e in Italia centrale. L’età di Lorenzo il Magnifico.
Il Rinascimento in Italia settentrionale. Il Rinascimento a Napoli e Venezia.
-Il ‘500: L’epoca della maniera moderna. Donato Bramante. Leonardo da Vinci. Michelangelo Buonarroti. Raffaello Sanzio. La maniera moderna in Veneto ed Emilia. Lo sperimentalismo anticlassico e il Manierismo in Toscana e Veneto.
-Dalla Controriforma al Barocco: La Controriforma e le arti. Accademia degli Incamminati. I Carracci. Caravaggio e i caravaggeschi. Caratteri del Barocco. Gian Lorenzo Bernini. Francesco Borromini. Pietro da Cortona.
Sviluppi del Barocco. Guido Reni e i classicisti. La Torino di Guarino Guarini.
-Il ‘700: Rococò in Europa. Filippo Juvarra. Architettura e urbanistica a Roma. Giambattista Tiepolo e la grande stagione pittorica veneziana. Il Vedutismo. La pittura di paesaggio. Luigi Vanvitelli. L’Illuminismo. Piranesi. Il Neoclassicismo (Canova, architettura neoclassica).
Modulo B
Il corso si concentra sulle principali manifestazioni dell’arte moderna in Sardegna in un arco cronologico della va dal ‘400 alla fine del ‘700, periodo in cui nell’isola si succedono la dominazione catalana e iberica (XV sec.-1707), austriaca (1708-1717) e sabauda (dal 1720). E’ richiesto lo studio delle opere architettoniche, scultoree, pittoriche e delle “arti minori”, analizzate nella loro natura di prodotto intellettuale, culturale e materiale, e interpretate come espressione della situazione politica, dei rapporti economici e culturali e del contesto sociale, civile e religioso da cui hanno avuto origine; ci si avvale dell’analisi stilistica, iconografica e iconologica, dell’indagine storica, archivistica e delle fonti.
Le lezioni frontali, alternate alla visita a monumenti e musei di Cagliari, daranno conto dell’avanzamento degli studi e delle ricerche in corso, con particolare attenzione ai seguenti argomenti: -Architettura religiosa e civile in età tardogotica. -Le manifestazioni del Gotico catalano in Sardegna nella pittura e nella scultura del ‘400 (J. Mates, R. Thomas e J. Figuera, J. Barcelo, Maestro del Presepio).-Il Maestro di Castelsardo, Giovanni Muru, il Maestro di Sanluri. -La scultura tra la fine del ‘400 e la I metà del ‘500 (S. Michele arcangelo di Ploaghe, Madonna di Bonaria, Compianti del duomo e di S. Giacomo a Cagliari, Cristo deposto di Oliena, Crocifissi dolorosi). -L’elaborazione di una pittura ispano-sarda e la scuola di Stampace (da Pietro e Michele Cavaro ai Mainas).-Il Maestro di Ozieri.-Le tarde manifestazioni del Gotico nell’architettura sarda e i primi esempi classicistici tra ‘500 e 600.-La pittura tardomanieristica d’importazione campana; -Francesco Pinna. -Aspetti generali dell’architettura del ‘600 in Sardegna. -Pittura d’importazione e operatori immigrati nel ‘600 (G. Deris e D. Conti). -Scultura lignea in estofado de oro. -L’architettura del ‘700 e gli architetti militari piemontesi. -L’arredo marmoreo.-Operatori esterni e locali nella pittura del ‘700 (G. Altomonte, D. Colombino, gli Are, S. Scaleta e F. Massa). -La scultura lignea del ‘700 e Giuseppe Antonio Lonis.

Metodi Didattici

Oltre alle lezioni frontali sono previsti seminari di approfondimento, esercitazioni ed escursioni a monumenti e musei di Cagliari e dell’Isola.

Verifica dell'apprendimento

Per la parte generale (mod. A), si richiede l’analisi di tre opere d’arte italiana del XV-XVIII secolo (architettura, pittura, scultura) che, attraverso la lettura dei caratteri tecnico-formali, iconografici e di stile, conduca al riconoscimento dell’autore o dell’ambito culturale di riferimento (es. Rinascimento fiorentino I metà XV secolo; Scuola veneta XVI secolo; Ambito barocco romano XVII secolo ecc.). Per l’approfondimento sulla Sardegna (mod. B), si richiede l’analisi di tre opere d’arte sarda del XV-XVIII secolo (architettura, pittura, scultura) che conduca al riconoscimento dell’opera e del suo autore inserendola nel suo contesto storico e culturale.

Per l’attribuzione del voto finale si tengono in conto le capacità di analisi delle opere d’arte e della loro contestualizzazione storico-culturale, la correttezza e la completezza dei dati, le modalità di esposizione dei contenuti, gli approfondimenti personali.

Testi

Modulo A
TESTI SUGGERITI:
Come testo-base si consiglia di scegliere tra i seguenti manuali:
• C. Bertelli - G. Briganti - A. Giuliano, Storia dell’Arte Italiana, Electa-B. Mondadori, 1986.
• P. Adorno, L’arte italiana, Messina- Firenze 1993.
• G. C. Argan, Storia dell’arte italiana, Sansoni 2002.
Per approfondimenti:
Enciclopedia Universale dell’Arte (Istituto Geografico de Agostini); P. Murray, Architettura del Rinascimento, Milano 1978; Collana Storia dell’arte in Italia, diretta da Ferdinando Bologna, Utet, Torino 1984; Collana Storia della pittura in Italia, Electa, Milano 1988-89; Collana Storia universale dell’arte, Utet, Torino 1984 (sez. III, Le civiltà dell’Occidente, diretta da Enrico Castelnuovo); Collana Storia dell’arte italiana (Giulio Einaudi editore), Torino 1979-80 (Parte I a cura di Giovanni Previtali, Materiali e problemi); G. Bresc-Bautier et al., Storia di un’arte. La scultura. La grande tradizione della scultura dal XV al XVIII secolo, Franco Cosimo Panini, Modena 1993; R. Wittkower, Arte e architettura in Italia 1600-1750, Einaudi 2005; La scultura raccontata da Rudolf Wittkower, Einaudi 2006; E. Villata (a cura di), L’arte rinascimentale nel contesto, Jaca Book 2015.
Modulo B
TESTI ADOTTATI:
-R. Serra, Pittura e scultura dall’età romanica alla fine del ‘500, ed. Ilisso, Nuoro 1990.
-M. G. Scano, Pittura e scultura del ‘600 e del ‘700, ed. Ilisso, Nuoro 1991.
-S. Naitza, L’architettura dal tardo ‘600 al classicismo purista, ed. Ilisso, Nuoro 1992.
-F. Pulvirenti, A. Sari, L’architettura tardogotica e d’influsso rinascimentale, ed. Ilisso, Nuoro 1994.
Come utile strumento didattico, si consiglia la lettura dell’agile volumetto: M. G. Scano, Storia dell’Arte Moderna in Sardegna, Introduzione allo studio, Cuec, Cagliari 2008.

Altre Informazioni

Durante il corso sono previsti seminari ed escursioni a monumenti e musei di Cagliari e dell’Isola.
Le lezioni - in due moduli separati ma consecutivi- si terranno nel Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio, Cittadella dei Musei, Piazza Arsenale 1, Cagliari (Aula Coroneo), con il seguente orario:
Lunedì: ore 11-13
Martedì: ore 11-13
Mercoledì: ore 17-19
Luogo e orario di ricevimento:
Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio, Cittadella dei Musei, piazza Arsenale 1, Cagliari:
mercoledì: ore 15-17 (luglio e settembre: ore 9-11)

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar