Programmi

 

LF/0149 - PALETNOLOGIA

Anno Accademico ​2019/2020

Docente
CARLO ​LUGLIE' (Tit.)
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/45] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO [45/50 - Ord. 2016] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO CONVENZIONALE630
Obiettivi

Gli obiettivi formativi primari sono:
- la delineazione dei principi teorici e metodologici che governano la ricostruzione scientifica delle società umane preistoriche, sia nel campo delle attività sul terreno sia in quello delle attività di laboratorio;
- la conoscenza dei lineamenti essenziali relativi alle forme antropiche, ai complessi di cultura materiale, alle strutture di organizzazione sociale e ai modi di vita delle comunità preistoriche pleistoceniche, in una prospettiva evolutiva e con approfondimento delle tappe mature del processo di ominazione;
- la competenza terminologica specifica nella sfera tecnica della disciplina archeologica preistorica;
- la capacità di riconoscere produzioni materiali e simboliche pertinenti alle comunità di cacciatori raccoglitori, nonché di intraprenderne autonomamente la classificazione.
- la capacità di riconoscere e classificare le principali categorie tipologiche di manufatti litici scheggiati.

Prerequisiti

È prevista la conoscenza dei lineamenti generali dell’evoluzione storica umana e dei principi teorici e metodologici che stanno a fondamento della ricerca storica. È altresì presupposta la capacità di analizzare e inquadrare i fenomeni storico-culturali nelle prospettive diacronica e sincronica. Sono basilari buone competenze e abilità linguistico-espressive.

Contenuti

Introduzione allo studio della preistoria antica e ai metodi di analisi dei contesti delle società di cacciatori e raccoglitori.

Descrizione: È obiettivo della Paletnologia la ricostruzione dei modi di vita delle comunità preistoriche. L'approccio illustrato nel corso combina i dati antropologici con quelli paleoecologici, etologici, etnoarcheologici, archeometrici e dellarcheologia sperimentale.
Nell'ambito del corso saranno presentati i principi teorici e metodologici ai quali si informa la ricerca paletnologica secondo una prospettiva interdisciplinare, attraverso una sintesi critica dei principali caratteri del processo evolutivo delle società preistoriche esemplificato mediante lo studio di casi. Specifico riferimento sarà portato allanalisi delle più recenti forme di pre-sapiens e di sapiens.
Modulo generale (20 ore): Storia ed ambito della disciplina. Teoria e metodologia della ricerca archeologica preistorica. Contesto archeologico e contesto sistemico. Principi dell'archeologia comportamentale. Metodi di determinazione cronologica. Sintesi dell'ominazione e del progresso tecnologico. Paleoecologia del Quaternario. Livelli di organizzazione socio-economica delle comunità di interesse paletnologico e indicatori archeologici del grado di complessità sociale. Interazioni sociali e modi di vita nella preistoria. Strutture economiche e organizzazione della sussistenza. Socio-economia dei cacciatori-raccoglitori. Definizione, articolazioni e metodi di analisi del sistema tecnico. Principi generali dellanalisi della tecnologia litica e dell'analisi dei manufatti in pietra scheggiata. Principi e metodi dell'analisi archeometrica.
Modulo di approfondimento (10 ore): Origine della tribù Hominini. I generi della sottotribù Hominina. Epistemologia dell'origine delle produzioni materiali e del pensiero progettuale. Le industrie litiche: parabola evolutiva delle modalità e delle categorie tipologiche di manufatti in pietra scheggiata pleistocenici. Analisi comparata dei modelli interpretativi e delle teorie evoluzionistiche dei tratti umani (modalità adattative all'ambiente/pressione selettiva inerente).

Metodi Didattici

Lezioni frontali (30 ore) con prova preliminare sui requisiti in ingresso e intermedie sugli obiettivi di apprendimento; sono previste esercitazioni di laboratorio sulla tecnologia litica e visite a collezioni museali e/o a siti archeologici.

Verifica dell'apprendimento

Verifica orale, con valutazione complessiva ottenuta dalla somma delle medie delle valutazioni specifiche su quattro blocchi di argomenti principali (ciascuna espressa in trentesimi):
1) Definizione e storiografia della disciplina paletnologica.
2) Metodologia della ricerca preistorica.
3) Tappe diacroniche del processo evolutivo biologico e culturale dell'ominazione.
4) Classificazione elementare di manufatti archeologici preistorici.

Testi

Modulo generale
- C. Renfrew - P. Bahn, Archeologia. Teorie, metodi, pratica, Bologna 2018, Zanichelli (terza edizione).

Modulo di approfondimento
- M. Arzarello, F. Fontana, M. Peresani, Manuale di tecnologia litica preistorica. Concetti, metodi e tecniche, Roma 2011, Carocci.

Letture consigliate:
- A. Broglio: Introduzione al Paleolitico, Manuali Laterza 99. Roma-Bari 2006, Laterza, pp. 1-258.
- L. Binford, Preistoria dell'uomo. La nuova archeologia, Milano 1989, Rusconi.
- A. Cazzella, Manuale di archeologia. Le società della preistoria, Roma Bari 1989, Laterza.
- F. Facchini, Il cammino dell'evoluzione umana, Milano 1990 (II ed.), Jaca Book.
- A. Guidi, Preistoria della complessità sociale, Roma Bari 2000, Laterza.
- A. Guidi, - M. Piperno (a cura di) 1992: Italia preistorica. Roma - Bari, Laterza.
- A. Leroi-Gourhan, Il gesto e la parola I-II, Torino 1977, Einaudi.
- M. Sahlins, Economia dell'età della pietra, Milano 1980, Bompiani.

Altre Informazioni

Slides di orientamento sugli argomenti topici del corso.
Esemplificazione delle principali tappe del processo evolutivo filetico degli ominidi e del genere Homo mediante l'utilizzo di repliche fedeli di crani dei principali esponenti della linea evolutiva del genere Australopithecus e del genere Homo.
Esemplificazione delle principali tappe evolutive delle tecnologie di produzione di manufatti in pietra dall'Archeolitico al Tardoglaciale mediante esemplari originali pertinenti alle differenti categorie tipologiche.
Ulteriori integrazioni bibliografiche puntuali saranno suggerite durante le lezioni e/o potranno essere richieste direttamente al docente.
La frequenza delle lezioni è caldamente raccomandata. Gli studenti non frequentanti sono tenuti a concordare ulteriori integrazioni bibliografiche col docente.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar