Programmi dei corsi

 

60/70/8 - ECOLOGIA E MONITORAGGIO DELL'AMBIENTE MARINO

Anno Accademico ​2020/2021

Docente
ANTONIO ​PUSCEDDU (Tit.)
PIERANTONIO ​ADDIS
Periodo
Primo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[60/70] ​ ​BIO-ECOLOGIA MARINA [60/70-00 - Ord. 2015] ​ ​PERCORSO COMUNE656
Obiettivi

Il corso ambisce a fornire conoscenze avanzate sui processi ecologici in ambiente marino e sui principi che da tali conoscenze derivano al fine della messa in atto di pratiche di monitoraggio degli ecosistemi marini anche a fini applicativi. Più in particolare, l’insegnamento ambisce a dotare lo studente di conoscenze avanzate circa: i) la percezione operativa delle differenze tra obiettivi e metodi della ricerca scientifica e del monitoraggio in ambito ecologico marino; ii) la natura multifattoriale di struttura e funzionamento degli ecosistemi marini; iii) il ruolo del disturbo naturale ed antropogenico su biodiversità, struttura e funzionamento degli ecosistemi marini; iv) le relazioni tra biodiversità e funzionamento negli ecosistemi marini; v) le prassi nazionali ed europee del monitoraggio marino ai fini del raggiungimento del buono stato ambientale; vi) le prassi di monitoraggio nelle aree marine protette; vii) le pratiche di monitoraggio ecologico ai fini di specifici di iter autorizzativi o valutativi di attività antropiche in mare.
Con riferimento ai Descrittori di Dublino l’insegnamento ambisce a dotare lo studente di:
1) Conoscenza dei meccanismi di funzionamento degli ecosistemi marini;
2) Competenze metodologiche per: i) la definizione e l’utilizzo di descrittori biologici ed ecologici dello stato di salute degli ecosistemi marini; ii) la preparazione di piani di monitoraggio marino
3) Competenze per la valutazione, elaborazione ed interpretazione critica di studi e rapporti tecnici inerenti la valutazione dello stato degli ecosistemi marini;
4) Capacità nell’uso degli strumenti di base per la presentazione dei risultati del monitoraggio degli ambienti marini.

Prerequisiti

Lo studente dovrebbe possedere buone basi di ecologia generale, biologia marina e zoologia marina.

Contenuti

- Richiami di ecologia marina di base: struttura e funzioni degli ecosistemi marini (4 ore);
- Differenze applicative tra ricerca scientifica e monitoraggio in ambiente marino e funzione diagnostica del monitoraggio in ambiente marino (4 ore);
- Gli indicatori ecologici in ambiente marino; Ruolo ecologico del disturbo naturale sugli ecosistemi marini (8 ore);
- Valutazione degli impatti del disturbo antropico in ambiente marino. Relazioni teoriche e pratiche tra biodiversità e funzionamento degli ecosistemi marini e significato nella valutazione del loro stato di salute (8 ore).
- Prassi nazionali nel monitoraggio marino con scopi di conservazione (e.g. nelle aree marine protette) e di valutazione di impatto. Direttive europee sul monitoraggio marino ai fini della valutazione e raggiungimento del buon stato ambientale (8 ore).
- Seminari ed esercitazioni in campo su strategie e metodi di campionamento e misura nei piani di monitoraggio marino (12 ore)
- Seminari ed esercitazioni in mesocosmo per la validazione sperimentale dei risultati dei piani di monitoraggio marino (12 ore)

Metodi Didattici

Il corso è erogato in due parti, la prima delle quali dedicata all’apprendimento frontale di principi e definizioni (4 crediti: 32 ore) e la seconda (2 crediti: 24 ore) dedicata a seminari tecnici, esperienze pratiche in laboratorio, mesocosmo e in campo. Le lezioni frontali in aula si basano sulla spiegazione di schemi, immagini e filmati. Le esperienze pratiche prevedono attività seminariale e di laboratorio.
Per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica è prevista la possibilità che le lezioni frontali siano erogate anche: i) in diretta streaming o mediante registrazioni delle stesse disponibili online, oppure ii) sia in presenza sia online, con possibilità di scelta (vincolante all'inizio del semestre) da parte dello studente della modalità in presenza o a distanza. In funzione della disponibilità delle aule e del numero di studenti che opteranno per la modalità in presenza, potrà essere prevista una turnazione per l’effettivo accesso in aula.
Per quanto concerne le attività di laboratorio, per le medesime esigenze connesse alla situazione epidemiologica, potranno essere previste turnazioni e/o attività sostitutive online.

Verifica dell'apprendimento

L’esame prevede una verifica orale delle conoscenze. Il voto finale tiene conto della valutazione integrata di:

I) Livello e qualità della preparazione in termini di appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze acquisite, delle abilità di applicazione delle stesse, della capacità di implementare le competenze acquisite nel più ampio contesto culturale di riferimento; qualità ed efficacia della modalità espositiva; utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina; capacità di scambio ed interazione con il docente durante il colloquio.
II) Livello di proprietà e consapevolezza delle conoscenze in termini di spirito critico e capacità di autovalutazione;

La votazione è espressa in trentesimi. I crediti sono assegnati se lo studente raggiunge il punteggio minimo di 18/30.
Il giudizio è articolato in ranghi di voto secondo i seguenti livelli:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30): scarsa acquisizione delle nozioni, livello superficiale della preparazione, molte lacune, capacità espressive modeste; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa proprietà di linguaggio; scarsa interazione con il docente durate il colloquio; debole spirito critico, minima conoscenza delle competenze applicative.
b) Discreto (da 21 a 23/30): discreta acquisizione di nozioni, scarso approfondimento, e poche lacune; capacità espressive più che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio proprio della disciplina; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi; sufficiente spirito critico; sufficiente interazione con il docente durante il colloquio.
c) Buono (da 24 a 26): bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con poche lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio proprio della disciplina; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi, buono spirito critico più che accettabile interazione con il docente durante il colloquio.
d) Ottimo (da 27 a 29): bagaglio di nozioni molto esteso, approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio proprio della disciplina; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi; spirito critico ben strutturato e evidenti capacità di interazione dialettica con il docente durante il colloquio.
e) Eccellente (30): bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio proprio della disciplina; ottima capacità dialogica nel colloquio, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi, spiccato senso critico.

La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

•Danovaro R. Biologia Marina. Biodiversità e Funzionamento degli Ecosistemi Marini. UTET Università, Versione 2 (Riferimento)
•Levinton JS. Marine Biology Function, Biodiversity, Ecology. Oxford University Press (Lettura consigliata)
•Valiela O. Marine Ecological Processes. Springer Verlag (Lettura consigliata)

Mann K.H. & Lazier J.R.N. - Dynamics of Marine Ecosystems (Ed. Blackwell)
Prabhakar V K - Marine Ecology and Pollution (Anmol Publications)

Barnes, Hughes - Introduzione alla Ecologia Marina (Ed. Piccin)
Danovaro R. - Biologia Marina. Biodiversità e Funzionamento degli Ecosistemi Marini (Città Studi Edizioni)
Della Croce, Cattaneo Vietti, Danovaro - Ecologia e protezione dell’ambiente marino costiero (Ed. Utet)
Sandulli R., Giaccone G., Tursi A. (Castro P., Huber M.E) - Biologia marina (McGraw Hill)


STATISTICA
Zar J.H. - Biostatistical Analysis (Prentice-Hall)
Underwood A. J. - Experiments in Ecology: Their Logical Design and Interpretation Using Analysis of Variance (Cambridge University Press)
Glover T. & Mitchel K. - An Introduction to Biostatistics (Waveland Press)
Dytham, C. - Choosing and Using Statistics: A Biologist’s guide (Wiley-Blackwell)
Triola, M.F., Goodman W.M. & Law R. - Elementary Statistics (Pearson)

Whitlock M.C., Dolph Schluter (Ed. italiana, Bertorelle G.) - Analisi statistica dei dati biologici (Zanichelli)
Camussi A. - Metodi Statistici per la sperimentazione biologica (Zanichelli)
Norman - Streiner - Biostatistica, quello che avreste voluto sapere (Casa Editrice Ambrosiana)
Pelosi M k., Sandifer T.M., Campostrini S. - Introduzione alla statistica (McGraw-Hill)
Bernstein S., Bernstein R. - Statistica inferenziale (McGraw-Hill)
Glantz S.A. - Statistica per discipline Biomediche (McGraw-Hill)

Altre Informazioni

Il materiale didattico utilizzato in aula sarà messo a disposizione degli studenti durante le lezioni.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar