Programmi

 

Archivio programmi insegnamenti A.A. 2000/2001 – 2005/2006

Archivio programmi insegnamenti A.A. 2006/2007 – 2012/2013

 

 

EC/0020 - ECONOMIA E POLITICA INTERNAZIONALE

Anno Accademico ​2020/2021

Docente
ANNA MARIA ​PINNA (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre ​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale ​
Lingua Insegnamento
ITALIANO ​


Obiettivi

Lo scopo del corso è fornire le conoscenze di base dell'economia degli scambi internazionali, delle politiche commerciali e del funzionamento delle principali organizzazioni internazionali che regolano i processi di scambio tra i paesi (capacità e comprensione). Il corso si propone ulteriormente di fornire gli strumenti necessari alla valutazione della posizione dei paesi nel sistema delle relazioni internazionali (capacità di applicare conoscenza e comprensione). A tal fine durante le lezioni verrà discusso in termini critici il processo di globalizzazione più recente, analizzando diversi aspetti che hanno portato ad una maggiore integrazione tra differenti paesi / macro regioni del mondo (autonomia di giudizio).

Alla fine del corso gli studenti saranno in grado:
1) discutere criticamente le principali teorie e validazioni empiriche del commercio internazionale nonché i principi che hanno portato alla formazione dei principali organismi internazionali preposti a regolare i processi di scambio tra i paesi; (capacità e comprensione e autonomia di giudizio)
2) analizzare le statistiche standard dei dati di commercio internazionale al fine di descrivere la posizione di un’economia in termini dei principali indicatori del commercio internazionale; (capacità di applicare conoscenza e comprensione e capacità di apprendimento)
3) produrre e discutere una scheda ‘paese’ che illustra e riassume le principali descrittive relative alle posizione dello stesso nel sistema globale di relazioni internazionali (abilità comunicative e capacità di apprendimento)

Prerequisiti

E’ importante una conoscenza base di matematica, statistica e della microeconomia in particolare del modello di monopolio e concorrenza monopolistica.

Contenuti

1. Cause e conseguenze del commercio internazionale

a) La teoria dei vantaggi comparati
-il modello ricardiano
-il modello con fattori specifici
-il modello delle proporzioni dei fattori

b) Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale
- economie di scala esterne all’impresa
- economie di scala interne all’impresa
- eterogeneità nelle strutture di costo delle imprese

2. Le politiche commerciali

a) Gli strumenti della politica commerciale
b) L'economia politica delle misure protezionistiche

3. Movimento internazionale dei fattori, globalizzazione, e paesi in via di sviluppo

a) Investimenti diretti esteri e migrazione
b) Offshoring, outsourcing, e licensing
c) La politica commerciale nei paesi in via di sviluppo
d) Controversie su WTO e la globalizzazione del commercio (diritti di proprietà intellettuali, standard di lavoro intellectual property rights, labor standards, commercio e ambiente)


4. La globalizzazione intelligente di Dani Rodrik
- Riformulare il tema della globalizzazione
- A proposito di Stati e mercati. La globalizzazione allo specchio della storia
- Ascesa e caduta della prima grande globalizzazione
- Perché non tutti hanno sostenuto gli argomenti a favore del libero scambio?
- Bretton Woods, Gatt e Omc. Il commercio in un mondo politicizzato
- Le assurdità della globalizzazione finanziaria
- Volpi e ricci della finanza
- I poveri in un mondo ricco
- Il fondamentalismo commerciale nell’area dei Tropici
- Il trilemma politico dell’economia mondiale
- La «governance» globale è realizzabile? E soprattutto è auspicabile?
- Progettare il capitalismo 3.0
- Una globalizzazione sensata

5. Misurare la partecipazione ai mercati internazionali

Metodi Didattici

6 ore di lezione alla settimana per un totale di 54 ore di cui 18 in aula computer e di cui 8 in forma di didattica partecipata con gli studenti

Con riferimento alle “Modalità di erogazione della didattica A.A. 2020/2021”, a pag. 12 del Manifesto Generale degli Studi si stabilisce che “La didattica verrà erogata contemporaneamente sia in presenza sia online, delineando dunque una didattica mista che possa essere fruita nelle aule universitarie ma al contempo anche a distanza. Sarà lo studente all’inizio del semestre ad optare per la didattica in presenza o a distanza, la scelta sarà vincolante per l’intero semestre. Qualora il numero degli studenti superi la capienza delle aule, determinata sulla base disposizioni governative in materia sanitaria ai fini del contrasto alla pandemia da Covid-19, l’accesso alle strutture didattiche sarà regolato attraverso un sistema di turnazione che sarà comunicato a tempo debito agli studenti interessati”

Verifica dell'apprendimento

Studenti Frequentanti:
2/3 del voto finale (5+1 crediti): esame scritto (1.3h) in cui verranno proposte domande teoriche (valutazione della conoscenza e comprensione).
Le presentazioni saranno valutate per 1 credito (valutazione dell'autonomia di giudizio)
1/3 crediti del voto finale (3 crediti): analisi di un caso riferito alla realtà (valutazione dell'autonomia di giudizio) attraverso l’elaborazione dei dati di flussi internazionali relativi ad un’economia. L’utilizzo dei programmi statistici più adatti al fine di produrre le principali descrittive statistiche rappresenta un elemento fondamentale per la valutazione delle capacità di apprendimento. L'utilizzo di un linguaggio appropriato rappresenta un elemento importante nella prova d'esame (valutazione delle abilità comunicative).
Il voto finale è espresso in trentesimi.

Nella valutazione dell'esame scritto il voto finale tiene conto dei seguenti elementi:
- L'utilizzo del modello per la risoluzione del quesito.
- La capacità di spiegare attraverso un linguaggio intuitivo la risposta al quesito.
- L'utilizzo di algebra.
- L'utilizzo di grafici.
- La chiarezza logica nella discussione dei punti trattati.

Per conseguire un punteggio massimo nell’esame scritto, lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso. Per superare l'esame, lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza sufficiente degli argomenti.

Nella valutazione del report verranno utilizzati i seguenti elementi
- Completezza delle dimensioni analizzate (import - export - partecipazione alle GVC - politica commerciale – adesione ai principali organismi internazionali del commercio);
- Assenza di divagazioni su altri elementi dell’economia del paese che non servono a definirne la posizione nei mercati internazionali;
- Elaborazione dati per costruzione indicatori corretta. Nel caso in cui si usino elaborazioni da altre fonti, indicazione della fonte dei dati o del report dal quale sono state estratte le tabelle e/o i grafici. Non basta indicare la fonte alla fine del report, il testo, ogni tabella ed ogni grafico deve indicare chiaramente la fonte delle info riportate;
- Aderenza tra il commento e i grafici;

Studenti che non presentano il report o che rifiutano il voto dello stesso:
1. analisi di un caso riferito alla realtà (valutazione dell'autonomia di giudizio) attraverso l’elaborazione dei dati di flussi internazionali relativi ad un’economia. La conoscenza dei programmi statistici più adatti al fine di produrre le principali descrittive statistiche rappresenta un elemento fondamentale per la valutazione delle capacità di apprendimento. L'utilizzo di un linguaggio appropriato rappresenta un elemento importante nella prova d'esame (valutazione delle abilità comunicative).
Il voto finale è espresso in trentesimi.
Variazioni prova d’esame a seguito dell’emergenza COVID-19:
A partire dagli appelli di giugno e fino a che gli esami saranno effettuati in modalità telematica,
le prove finali saranno così strutturate:
1. Una o più batterie di test a risposta obbligata
2. Domande a risposta aperta
3. Colloquio telematico
Tramite Esse3 saranno comunicati, prima data e ora per l’effettuazione delle prove sub 1 e 2 e,
successivamente, il calendario delle prove sub 3.

Testi

Krugman Obstefeld e Melitz, Economia Internazionale vol. 1, ed.11
Richard Baldwin, La Grande Convergenza, Il Mulino
Huward Verdier (2013) Economic Globalization Origins and Consequences (http://www.oecd-ilibrary.org/economics/economic-globalisation_9789264111905-en)
http://unctad.org/en/Pages/statistics.aspx

contatti | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy