Programmi

 

60/63/43 - PALEONTOLOGIA

Anno Accademico ​2019/2020

Docente
GIAN LUIGI ​PILLOLA (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento
ITALIANO​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[60/63] ​ ​SCIENZE GEOLOGICHE [63/00 - Ord. 2010] ​ ​PERCORSO COMUNE988
Obiettivi

il Corso di Paleontologia deve fornire la conoscenza delle principali tematiche paleobiologiche (paleobiodiversità, tafonomia, teorie evolutive, paleoecologia, biostratigrafia, ….), privilegiando i campi di maggior interesse per i geologi. L’obiettivo principale è quello di sviluppare negli studenti le capacità di osservazione critica (su aspetti teorici e soprattutto sui reperti e sul terreno), di ricollocare le informazioni fornite dai resti di organismi fossili in termini di tempo, ambiente di vita e di fossilizzazione. A termine del corso lo studente deve aver acquisito le conoscenze essenziali relative alla storia della vita e alle teorie evolutive, ai contesti paleoambientali, ai processi di fossilizzazione e all’utilizzo dei fossili ai fini biostatigrafici. In particolare lo studente deve riconoscere i caratteri diagnostici di un numero congruo di organismi fossili e contestualizzarli sia dal punto tassonomico sia biostratigrafico-paleoecologico. Inoltre, lo studente deve essere capace di descrivere e illustrare situazioni legate alla presenza di resti fossili sia in reperti da laboratorio che sul terreno, deve saper estrarre le informazioni e poterle comunicare sia oralmente che sotto forma scritta. Durante il corso lo studente è sensibilizzato alle problematiche della protezione dei beni geo-paleontologici e al ruolo delle discipline paleontologiche nel campo del lavoro.

Prerequisiti

Nessuno

Contenuti

Tafonomia - Fossilizzazione e biostratinomia: sostanze che costituiscono gli organismi; morte, predazione. Necrolisi, decomposizione, disarticolazione, bioerosione, dissoluzione e trasporto; seppellimento in depositi minerali; inglobamento in depositi organici; inglobamento in fluidi; incrostazione; bioimmurazione. Strutture biogeopete. Fossilizzazione della materia organica e delle parti mineralizzate; deformazione dei fossili; i "Fossil-Lagerstätten”.
Teorie evolutive ed eventi paleobiologici - adattamento e biodiversità; la selezione naturale; genotipo e fenotipo. Microevoluzione. L''origine delle specie: gradualismo filetico, speciazione s.s., speciazione allopatrica, simpatrica e parapatrica. La teoria sintetica. Macroevoluzione: origine di nuovi bauplan. Morfologia e ambiente: convergenza adattativa, evoluzione parallela; evoluzione iterativa; legge di Cope, specializzazione ed estinzione; ontogenesi e filogenesi. Eterocronie di sviluppo. Radiazioni adattative e crisi biologiche: la diversità tassonomica e i maggiori eventi biologici attraverso i tempi geologici, tasso di evoluzione, estinzioni, radiazioni adattative.
Paleoecologia - Metodi e obiettivi della paleoecologia. Ambienti marini: zonazione verticale del dominio pelagico e del dominio bentonico; scuola di Endoume; zonazione idrodinamica della spiaggia. Modi di vita degli organismi: mobilità e trofismo. Fattori che controllano la distribuzione degli organismi: il substrato, correnti e turbolenza, temperatura, salinità, contenuto in ossigeno, risorse alimentari, profondità. Uniformismo tassonomico. Morfologia funzionale. Popolazioni e paleoambienti: K-selezione e r-selezione. Sinecologia: mutualismo e commensalismo, parassitismo e paleopatologia. Comunità, tanatocenosi, tafocenosi e orictocenosi. Associazioni residuali, mescolate e trasportate: analisi di terreno. Tecniche di campionamento e preparazione reperti. Ricostruzioni paleoambientali e struttura delle comunità. Depositi organogeni, organismi costruttori e ambienti di scogliera.
Paleoicnologia - Fossilizzazione e classificazione delle tracce fossili: gruppi etologici; la bioturbazione. Implicazioni paleobiologiche e paleoambientali; significato stratigrafico, paleobiogeografico e sedimentologico.
Biostratigrafia - Le unità biostratigrafiche: la biozona; zona di associazione, di distribuzione, di acme e di intervallo. Correlazioni biostratigrafiche. Concetto di fossile guida, di FAD e di LAD. Ecostratigrafia ed ecobiostratigrafia. Cronostratigrafia, geocronologia e scala geocronologica. Unità cronostratigrafiche standard (GSSP): procedure stratigrafiche, stratotipi.
Paleobiogeografia - Modello della dispersione e della vicarianza; biogeografia ecologica. Migrazioni e dispersioni: modalità e tempi di diffusione degli organismi. Corridoi, ponti e barriere filtranti, vie occasionali. Ricostruzioni paleobiogeografiche; faune insulari. Discussione di alcuni esempi.
Tassonomia - Definizioni di sistematica, tassonomia, classificazione; gerarchia delle categorie tassonomiche; definizione tipologica dei taxa; nomenclatura; sinonimia e omonimia; paratassonomia; La specie in paleontologia; variabilità intraspecifica; tassonomia e filogenesi; omologia e analogia; gruppi monofiletici e polifiletici. Scuole tassonomiche.
Paleontologia sistematica - Riconoscimento e analisi morfologica, tendenze evolutive, significato paleoecologico, significato biostratigrafico di alcuni rappresentanti dei maggiori Phyla e riscontro pratico degli argomenti generali trattati a lezione.
Phyla: Porifera, Brachiopoda, Bryozoa, Echinodermata, Mollusca, Arthropoda, Stomochordata, Sarcodina e altri microfossili, inclusi vegetali (diatomee, pollini, spore). Cenni su Vertebrati et evoluzione degli ominidi. Riconoscimento di alcuni importanti fossili vegetali.

Metodi Didattici

Lezioni frontali svolte con l’ausilio di presentazioni “Powerpoint”, con esercitazioni pratiche di laboratorio e due escursioni didattiche sul terreno.

Verifica dell'apprendimento

Prova finale orale e pratica, con attribuzione di voto.

Testi

S. Raffi - E. Serpagli, 1993 (95, seconda edizione): Introduzione alla Paleontologia. UTET, Scienze della Terra.
A. Allasinaz, 1999: Paleontologia degli invertebrati. UTET, Scienze della Terra.

Letture complementari:
M.J. Benton, 2000: Paleontologia dei Vertebrati. Franco Lucisano (ed.).
D.E.G. Briggs, P.R. Crowther (eds), 1990: Palaeobiology a synthesis. Blackwell Scientific Publications.
R.S Boardman, A.H. Cheetham & A.J. Rowell (eds.), 1987: Fossil Invertebrates. Blackwell Scientific Publications.
E.N.K. Clarkson, 1993: Invertebrate Palaeontology and Evolution. Chapman & Hall (terza edizione).

Altre Informazioni

Il materiale didattico a disposizione degli studenti comprende: CD/memory stick contenenti tutte le presentazioni PPT delle lezioni e documenti, sia a carattere generale sia specifico, sugli argomenti trattati (articoli, carte geologiche, schemi stratigrafici, etc.). Il materiale didattico è consegnato alla fine di ciascun ciclo di lezioni (le copie sono preparate dagli studenti). La collezione didattica (personale) comprendente fossili, rocce e resti di organismi attuali, è a disposizione degli studenti durante le ore di esercitazione.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar